Le più grandi sciagure dell’umanità sono state originate da chi ha voluto semplificare la vita pianificando il mondo.

Giovannino Guareschi

venerdì 5 ottobre 2012

Voglio arrivarci viva


Non si può recensire l’esperienza di una vita vissuta e raccontata, soprattutto se questa vita è una vita speciale.  Dopo aver letto il libro di Marina Garaventa, Voglio arrivarci viva, con sottotitolo “Una vita vissuta pericolosamente”, la prima parola che viene in mente è la parola gratitudine, cioè riconoscenza per una persona eccezionale che si è messa a disposizione del lettore con il desiderio di condividere un’esperienza. L’esperienza della propria vita, ricca di gioia e di dolore.

Marina Garaventa, di cui ho appreso l’esistenza solo ora, mea culpa, dopo aver letto il suo scritto, si descrive così: “sono Marina e dal 2002 vivo grazie a un respiratore che uso 24 ore su 24. Io non mi muovo, non parlo, ma grazie al mio pc comunico! Scrivo libri, articoli, mi occupo di sociale, di politica, di musica e di molto altro. Insomma: io vivo!” Non mi sembra occorra aggiungere molto altro.

Marina mi ricorda il mio amico Ugo, che sta benone, come dice lui, a parte la SLA che lo ha colpito giusto tre anni fa. Ugo, che è stato mio testimone di nozze, ha 48 anni, una moglie speciale e due bambini bellissimi di 5 e 3 anni. Ora vive su una carrozzina attaccato al respiratore, con tracheo e sondino per l’alimentazione. Muove solo gli occhi e grazie ad un computer riesce a scrivere selezionando con lo sguardo le lettere e così forma le frasi che un sintetizzatore vocale ripete con voce metallica, la nuova voce di Ugo, che per oltre venti anni ha cantato nel coro della parrocchia con una profonda voce da basso.

Ogni settimana vado a trovarlo e a casa sua incontro sempre amici e persone che vogliono conoscerlo e stare con lui per imparare da lui come affrontare la quotidianità della vita, fatta di pene quotidiane ma anche di tanti miracoli che chiedono di essere riconosciuti. Ugo non molla mai, certo ci sono giorni sì e giorni no, ma Ugo, che è ingegnere e quindi più squadrato di un cubo, è convinto che alla fine una cura per la sua SLA da qualche parte nel mondo si troverà.  Non che Ugo sia entusiasta della malattia, questo è chiaro, però vuole vivere sino in fondo la sua situazione, ogni giorno passa ore attaccato al computer (può fare ben poco di diverso) cercando nel web ogni piccola nuova notizia che riguarda la sua malattia, è più informato lui dei medici del centro Nemo di Niguarda che lo hanno in cura!  Marina e Ugo sono fatti così, per nostra fortuna! Senza di loro il nostro mondo sarebbe meno colorato.

Solo una cosa voglio dire a Marina, una cosa che ho imparato in questi anni da Ugo e si riferisce al capitolo “gli enigmi sono tre…” del suo libro. Io non so spiegare perché proprio a te Marina è toccata la vita che stai vivendo, come la SLA è toccata a Ugo e non a me per esempio, questo proprio non lo so. Come non so perché esiste il dolore nel mondo, perché muoiono delle malattie più strane bambini appena nati, questo non lo so. Non è giusto, ma non so perché accadono queste cose e altre ancora più tremende. So però che il dolore, la fatica quotidiana, possono  essere condivisi e allora, con i tuoi occhi nello sguardo di un altro,  l’orizzonte si allarga in un sorriso. Il dolore non è scomparso, però è più umano, cioè più nostro, possiamo forse tentare di comprenderlo, senza pretese. Del resto il nostro Dio ha inviato sulla terra Suo Figlio proprio per questo, condividere il Suo Amore per noi, con noi.   Basta, non aggiungo altro, sarebbe di troppo.

E’ tempo di chiudere questa “non recensione”. L’invito è di leggere (non a sbafo) il libro di Marina! Si legge tutto d’un fiato e farete conoscenza con una persona speciale  (per una sera si può rinunciare a NCIS Los Angeles).  Un’ultima cosa mi ha colpito di Marina e la voglio raccontare: la sua ironia, caratteristica tipica delle persone intelligenti. E con una frase presa in prestito dal grande miscredente Woody Allen la voglio salutare: Ci sono cose peggiori della morte. Se hai passato una serata con un assicuratore, sai esattamente di cosa parlo.  Buona fortuna!

Marina Garaventa, Voglio arrivarci viva, 2012 Tea spa, Milano




1 commento: