Le più grandi sciagure dell’umanità sono state originate da chi ha voluto semplificare la vita pianificando il mondo.

Giovannino Guareschi

domenica 29 aprile 2012

Translation of the post of April, 28

Recommendations of my son

Adapted from "The King's Business Magazine" published by the Institute of Biblical Los Angeles


 Do not spoil me: I know I should not have anything you ask. I just want to test you.
• Do not be afraid to be stern with me, I prefer it. This allows me to know what they are valid.
• Do not use force with me: this teaches me that power is all that matters. I will be more willing to be guided.
• Do not be inconsistent: this confuses me. He forces me to make every effort to get away whenever I can.
• Do not make promises you may not be able to maintain: it would decrease my confidence in you.
• Do not give in to my provocations when I say and do things just to embarrassed, because they would try to have other similar victories.
• Do not be too upset when I say: "I hate you" does not mean that. I do it because you are sad for what I've done.
• Do not make me feel smaller than it is: rimedierei and acted bigger than it is.
• Do not do things for me that I can do alone: ​​this makes me feel like a kid and I could continue to keep you in my service.
• Do not let my "bad habits" get me a good deal of your attention: what encourages me to continue with those.
• Do not correct me in front of people: I will pay much more attention if you talk quietly with me in private.
• Do not try to discuss my behavior in the heat of an argument: of course my hearing is not very good at that time and my cooperation is even worse.
• Do not try to lecture me: would you be surprised to see how well I know what is right and wrong.
• Do not make me feel that my mistakes are sins: I have to learn to make mistakes without feeling of not being honest.
• Do not grumble again: if you do I will defend myself by pretending to be deaf.
• Do not demand explanations for my wrong behavior: I really do not know why I did it.
• Do not put too much strain on my sincerity: I am easily intimidated enough to tell lies.
• Do not forget that I love to experiment: I learn from this so please bear.
• Do not protect me from consequences: I need to learn from experience.
• Not paying much attention to my small ailments: I could learn to enjoy poor health for your attention.
• Do not shut me up when I'm honest questions: I would stop and try to seek my information elsewhere. Do not answer questions without feeling silly: I would just keep you busy with me.
• Do not ever think to look ridiculous if you apologize to me, excuse me feel surprisingly warm with you.
• Never carry to be perfect and infallible: it gives me an excuse to not follow you.
• Do not worry about the little time we spend together is "how" we spend that matters.
• Do not let my fears arouse your anxiety: I would become more fearful. Show me the courage.
• Do not forget that I can not thrive without understanding and encouragement, but I need not tell you, right?
• Remember: I learn more by example than by a reprimand.

sabato 28 aprile 2012

Raccomandazioni di mio figlio

(adattamento da “The king’s Business Magazine” pubblicato dall’Istituto Biblico di Los Angeles)


• Non viziarmi: so benissimo che non dovrei avere tutto quello che chiedo. Voglio solo metterti alla prova.
• Non avere paura di essere severo con me; lo preferisco. Questo mi permette di sapere in che cosa sono valido.
• Non usare la forza con me: questo mi insegna che la potenza è tutto ciò che conta. Sarò più disponibile ad essere guidato.
• Non essere incoerente: questo mi sconcerta. Mi costringe a fare ogni sforzo per farla franca ogni volta che posso.
• Non fare promesse che non potresti essere in grado di mantenere: questo farebbe diminuire la mia fiducia in te.
• Non cedere alle mie provocazioni quando dico e faccio cose solo per imbarazzarti, perché cercherei di avere altre vittorie simili.
• Non essere troppo turbato quando dico: “ti odio”: non intendo dire questo. Lo faccio perché tu sia triste per quello che mi hai fatto.
• Non farmi sentire più piccolo di quanto non sia: rimedierei comportandomi da più grande di quanto non sia.
• Non fare per me cose che posso fare da solo: questo mi fa sentire come un bambino e potrei continuare a tenerti al mio servizio.
• Non fare che le mie “cattive abitudini” mi guadagnino molta parte della tua attenzione: ciò mi incoraggia a continuare con quelle.
• Non correggermi davanti alla gente: presterò molta più attenzione se parlerai tranquillamente con me a quattr’occhi.
• Non cercare di discutere del mio comportamento nella foga di un litigio: ovviamente il mio udito non è molto buono in quel momento e la mia collaborazione è anche peggiore.
• Non cercare di farmi prediche: saresti sorpreso di vedere come so bene quel che è giusto e cosa sbagliato.
• Non farmi sentire che i miei errori sono colpe: devo imparare a fare errori senza avere la sensazione di non essere onesto.
• Non brontolare continuamente: se lo fai dovrò difendermi facendo finta di essere sordo.
• Non pretendere spiegazioni per il mio comportamento scorretto: davvero non so perché l’ho fatto.
• Non mettere troppo a dura prova la mia sincerità: vengo facilmente intimorito tanto da dire bugie.
• Non dimenticare che mi piace molto fare esperimenti: imparo da questi per cui ti prego di sopportarli.
• Non proteggermi dalle conseguenze: ho bisogno di imparare dall’esperienza.
• Non badare troppo alle mie piccole indisposizioni: potrei imparare a godere di cattiva salute per attirare la tua attenzione.
• Non zittirmi quando faccio domande oneste: smetterei di chiedere e cercherei le mie informazioni altrove. Non rispondere alle domande sciocche e senza senso: desidero solo tenerti occupato con me.
• Non pensare mai di apparire ridicolo se ti scusi con me: una scusa mi fa sentire sorprendentemente affettuoso con te.
• Non sostenere mai di essere perfetto e infallibile: questo mi offre il pretesto per non seguirti.
• Non preoccuparti per il poco tempo che passiamo insieme: è “come” lo passiamo che conta.
• Non permettere che i miei timori suscitino la tua ansia: diventerei più pauroso. Indicami il coraggio.
• Non dimenticare che non posso crescere bene senza comprensione ed incoraggiamento; ma non ho bisogno di dirtelo, vero?
• Ricordati: imparo più da un esempio che da un rimprovero.



martedì 24 aprile 2012

Translation of the post of April, 23

New parties or new policy?



Seems to have become a fad, not now, in the national political landscape: change the names of political parties to keep up with society because, by definition, is you (civil society) in step with the times, while the political parties were left behind (with respect to time). The wording of the sentence deliberately reflects the current state of confusion! But, I wonder: political parties are associations of men and women who come from civil society? Or are they of the clergy or religious? And how do these men, when they take on the role of politicians to remain behind the times that we live and when wear street clothes remain abreast (with time)?

These mutations, more or less genetic, investing all the major Italian parties, who once described themselves as popular. Personally I think the Italian people have now realized that you do not need to change the name of a party, when people who are in elected assemblies and guide him politically are the same for decades. Rather than changing the name of a party I would say it would be time to change the name of the people who represent a political force in order to bring in new ideas that also means parts of a greater guarantee of morality and especially within the party and the State.


The opportunity that presents itself to the government Monti in this sense it is truly unique: reform the process for election of the citizens in the different levels of representation in such a way as to ensure on the one hand a progressive and growing level of expertise in the management of the State and other greatly reduce the temptation to seek his own good, or that of the party and the Common Good. Let me explain: the coming of age, a citizen may be eligible municipalities in the first, for a maximum of two terms. Exhausted the first term, however, could apply to the provincial council or the regional, again for a maximum of two terms. Later, it might apply to the national parliament, first as a deputy, again for two terms. Having completed the first legislature could, if it wanted to, run for the Senate, for a maximum of two terms. Sold cursus honorum this, I think that the Italian Republic can not help but congratulate this Italian who has spent at least twenty years of his life to the Public Good, and maybe they can also reward with a decent pension. And then this person would have before them a new life to live and could, if it wanted, to build on the experience gained in the previous twenty years as a consultant, or high-level applications in the European Parliament, but there would be another story not concern us. With the Italian Republic the citizen paid to the policy would cease their agency relationship.


Someone has something to object to this approach? We're not saying that the politician in question should stop playing politics, which would be a strong limitation of individual freedom and also contrary to the Constitution. It's just saying that the form in which you can realize your politics, no longer passes through the elective office of the Italian Republic, which has already got more out of political citizen in his first twenty years of activity. I believe that with some "adjustment" regulation of political will to do so bringing especially young people who are now light years away from this world. In fact, without the involvement of young people, the country is destined increasingly to become a country with an eye towards your belly button, and no future in the hands of old pimps who want to look eternally young.

lunedì 23 aprile 2012

Nuovi partiti o nuovi politici ?

Una moda sembra essersi imposta, non da ora, nel panorama politico nazionale: cambiare nome ai partiti politici per restare al passo con la società civile perché, per definizione, è lei (la società civile) al passo con i tempi, mentre i partiti politici sono rimasti indietro (rispetto ai tempi).  La formulazione della frase rispecchia volutamente lo stato confusionale attuale! Ma, mi domando: i partiti politici non sono associazioni di uomini e donne che provengono dalla società civile? O sono forse dei chierici o dei religiosi? E come fanno questi uomini, quando vestono i panni di uomini politici a rimanere indietro rispetto ai tempi che viviamo mentre quando rimettono gli abiti civili restano al passo (con i tempi)?
Queste mutazioni, più o meno genetiche, investono tutti i più grandi partiti italiani, quelli che una volta si definivano popolari.  Personalmente ritengo che ormai il popolo italiano abbia compreso che non serve cambiare il nome di un partito, quando le persone che lo rappresentano nelle assemblee elettive e lo indirizzano politicamente sono le stesse da decenni. Piuttosto che cambiare il nome di un partito direi che sarebbe venuto il momento di cambiare il nome delle persone che rappresentano quella forza politica in modo tale da ottenere un ricambio generazionale che significa anche ricambio di idee e soprattutto maggiore garanzia di moralità all’interno del partito e quindi dello Stato.
L’occasione che si presenta al governo Monti in questo senso è veramente unica: riformare il meccanismo di elezione dei cittadini nei diversi livelli di rappresentatività in modo tale da garantire da un lato un progressivo e sempre crescente livello di competenza nella gestione della Cosa Pubblica e dall’altro ridurre molto la tentazione di ricercare il proprio bene, o quello del partito e non il Bene Comune.  Mi spiego: dal compimento della maggiore età, un cittadino potrebbe essere eleggibile dapprima nei Comuni , per un massimo di due mandati. Esaurito il primo mandato potrebbe però candidarsi al consiglio provinciale oppure a quello regionale, sempre per un massimo di due mandati. Successivamente potrebbe candidarsi al Parlamento nazionale, prima come deputato, sempre per due legislature. Esaurita la prima legislatura potrebbe, se lo volesse, candidarsi al Senato della Repubblica, per un massimo di due legislature. Esaurito questo cursus honorum, penso che la Repubblica Italiana non possa far altro che congratularsi con questo italiano che ha dedicato almeno venti anni della sua vita al Bene Pubblico e magari lo possa anche ricompensare con una dignitosa pensione. E poi questa persona avrebbe davanti a sé una nuova vita da vivere e potrebbe, se lo volesse, mettere a frutto l’esperienza maturata nei venti anni precedenti come consulente di alto livello oppure candidarsi al Parlamento Europeo, ma li sarebbe un’altra storia che ci riguarda meno. Con la Repubblica Italiana questo cittadino prestato alla politica avrebbe cessato il proprio rapporto di rappresentanza.
Qualcuno ha qualcosa da obiettare a questa impostazione? Non si sta dicendo che il politico in questione debba cessare di fare politica, la qual cosa sarebbe una limitazione fortissima della propria libertà individuale e anche contraria alla Costituzione.  Si sta solo affermando che la forma in cui si può concretizzare il suo fare politica, non passa più attraverso le cariche pubbliche elettive della Repubblica Italiana che ha già ottenuto il meglio dal cittadino politico nei suoi primi venti anni di attività. Credo che con qualche “aggiustamento”, una regolamentazione in tal senso dell’attività politica possa riavvicinare soprattutto i giovani che sono ormai lontani anni luce da questo mondo. Infatti, senza l’impegno dei giovani il Paese è destinato sempre più a diventare un Paese con lo sguardo rivolto verso il proprio ombelico, senza futuro e in mano a vecchi papponi che vogliono apparire eternamente giovani.  

   

mercoledì 18 aprile 2012

Translation of the post of April, 17

Tonight we talk about me ...

When I checked on YouTube and I created my channel "thewhitefly1966", the day March 10, 2010 I never imagined getting to where I am. After just over two years, the canal are 27 videos, one is in preparation and in total the 27 videos have been watched by more than ten thousand people around the world. Again, all over the world. Just to give an idea: in the last thirty days have seen the 27 videos total 951 people of 28 different countries, from Italy to Japan, from Brazil to Australia, Colombia and Indonesia could continue.On the cover page of the Channel has released this statement: "thewhitefly1966 born in March 2010 with the aim of familiarizing people or groups of people, artists, poets, philosophers, writers, painters, singers, but also new thoughts, new forms of communication , which we believe are worth knowing because they represent the sum total of social conditions that allow such groups as individuals, to reach their fulfillment more fully and more easily thus contributing to the Common Good. "

The video I posted in these two years, alone or with the cooperation and help of friends, so have these features and wish to continue them in the future. And 'therefore all the more remarkable success of a channel that does not publish news of movies, sports or commercial, the band music, travel reportage or advertising of products or otherwise. The work thewhitefly1966 are all the result of an idea or an original theme, developed and translated into a video that should be as expressive and exciting time in the synthesis corrected to a YouTube video (the maximum attention to five / six minutes ).What new technologies, the Internet, allow you to do today is something that fascinates me and leaves me speechless. I could say that what a couple of years I managed to create is a dream since childhood was in my heart and to realize, however, did not imagine not having been able to go to Rome and study to try to become a director.I close this post so that I have dedicated a thank you to all those people who through their work have made this miracle possible: a video created by my home computer, in Bollate, can be seen after a few minutes across earth.

martedì 17 aprile 2012

Questa sera parliamo di me...

Quando mi sono registrato su YouTube ed ho creato il mio canale “thewhitefly1966”, il giorno 10 marzo 2010 non immaginavo di arrivare dove sono ora.  Dopo poco più di due anni, sul canale sono presenti 27 video, uno è in preparazione e in totale i 27 video sono stati visti da più di diecimila persone in tutto il mondo. Ripeto, in tutto il mondo. Solo per dare un’idea: negli ultimi trenta giorni hanno visto i 27 video complessivamente 951 persone di 28 nazioni diverse, dall’Italia al Giappone, dal Brasile all’Australia, dalla Colombia all’Indonesia e potrei continuare.
Sulla pagina di copertina del Canale è pubblicato questo comunicato:  thewhitefly1966 nasce nel marzo 2010 con lo scopo di far conoscere persone o gruppi di persone, artisti, poeti, filosofi, scrittori, pittori, cantanti, ma anche nuovi pensieri, nuove forme di comunicazione, che a nostro giudizio meritano di essere conosciute perchè rappresentano l'insieme di quelle condizioni della vita sociale che permettono tanto ai gruppi quanto ai singoli membri di raggiungere la propria perfezione più pienamente e più speditamente concorrendo quindi al Bene Comune”.
I video che ho pubblicato in questi due anni, da solo o con la collaborazione e l’aiuto di amici,  hanno dunque queste caratteristiche e vogliono continuare ad averle anche per il futuro.  E’ quindi ancora più straordinario il successo di un canale che non pubblica filmati di attualità, di sport o di spot, di band musicali, di reportage di viaggi o pubblicità di prodotti o altro.  I lavori di thewhitefly1966 sono tutti frutto di un’idea o di un tema originale, sviluppato e tradotto in un video che deve essere il più possibile espressivo ed emozionante nella sintesi temporale corretta per un video di YouTube  (tempo massimo di attenzione cinque / sei minuti).
Quello che le nuove tecnologie, Internet, permettono di fare oggi è qualcosa che mi affascina e mi lascia senza parole. Potrei dire che quello che da un paio di anni sono riuscito a creare è un sogno che sin da piccolo avevo in cuore e però non immaginavo di realizzare, non avendo potuto andare a Roma e studiare per cercare di diventare regista. 
Chiudo quindi questo post che mi sono dedicato con un grazie a tutte quelle persone che con il loro lavoro hanno reso possibile questo miracolo:  che un video creato dal mio computer di casa, a Bollate,  possa essere visto dopo pochi minuti dall’altra parte della terra.



domenica 15 aprile 2012

Translation of the post of April, 13

Final Speech


From the movie The Great Dictator


- Excellency, the world is impatient to hear you!
- I do not understand that, he seemed really strange ...
- And that makes us Schulz with him?
- Forgiven guess
- Comrades, Garbish His Excellency, the Secretary of the Interior, Minister of Propaganda.
- Crown veniat electis, the victory will reward the deserving. Today, democracy, freedom and equality are words inconceivable. No nation can progress with such ideas. They are a hindrance to action, so honestly we abolish. In the future everybody will serve the interests of the State in all obedience, and woe to those who refuse to do so. To all the Jews and other non-Aryans will be stripped of citizenship rights, they are inferior and therefore enemies of the state, it is the duty of every good Aryan hate and despise them. From now on, this nation will be part of the empire tomanico and the people of this nation will obey the laws laid down by our great leader, the dictator of Tomania, the conqueror of 'Ostria, the future emperor of the world.- Now you have to talk- I can not- You! is our only hope- Hope ...- I'm sorry but I do not want to be an emperor, not my job, do not want to rule or conquer anyone, I would help everyone if possible, Jews, Aryans, men, blacks and whites, all of us human beings we should always help us, we only enjoy the happiness of others, do not hate us and despise one another. In this world there is room for everyone, nature is rich enough for all of us, life can be free and beautiful, but we have forgotten. Greed has poisoned our hearts, has plunged the world with hate, has led us to goose-step to make things more despicable, we have the means to wander, but we have shut ourselves. The machine has given us abundance poverty, science has turned into bugs, greed has made us hard and bad, think and feel too little. More than machinery we need humanity, more than cleverness we need kindness and gentleness, without these qualities, life is violent and all is lost. The airplane and the radio have brought us closer together, the very nature of these inventions cries out for the goodness in 'man, cries out for universal brotherhood, the unity of us. Even now my voice is reaching millions of people around the world, millions of men, women and children, victims of a system that makes men torture and imprison innocent people. To those who can hear me, I say, do not despair! The greed that drives us is just a bad passenger, the bitterness of men who fear the way of human progress. The hate of men will disappear along with the dictators and the power they took from the people returned to the people and use whatever means freedom can not be suppressed. Soldiers! Do not give in to brutes, men who despise you and exploit you, telling you how to live, what to do, what to say, what to think, that regiment, will condition, treat you like cattle. Do not give yourselves to these people without a soul, machine men, with machines in place of the brain and heart.You are not machines, you are not beasts, you are men! You have the love of humanity in your hearts, you do not hate those who hate are those who have not the love of others. Soldiers! Do not fight for slavery, but freedom! Remember in the Gospel of St. Luke is written - 'The Kingdom of God is in the heart of man' - not one man or group of men, but of all men. You the people have the power to create machines, the power to create happiness, you the people you have the power to make life free and beautiful, to make this life a wonderful adventure. So in the name of democracy join this force, join all! We fight for a new world that is better, that gives all men work, young people a future, the old security. Promise of these things brutes have risen to power, they lied! Have not kept those promises, and never will! The Dictators free themselves? But they enslave the people. Let us fight to fulfill that promise, we fight to rid the world, do away with national barriers, eliminating the greed, hatred and intolerance. We fight for a sensible world, a world where science and progress will lead to all men the well-being. Soldiers, in the name of democracy that you be united! ... "

venerdì 13 aprile 2012

Discorso finale

Dal film "Il Grande dittatore"


-        Eccellenza, il mondo è impaziente di udirvi!
-        Non capisco che ha, ha un aria strana…
-        E che ci fa Schulz con lui?
-        Perdonato immagino
-        Camerati, sua eccellenza Garbish, Segretario agli Interni, Ministro della Propaganda.
-        Corona veniat electis,  la vittoria premierà i meritevoli. Oggi, democrazia, libertà ed uguaglianza sono parole inconcepibili. Nessuna nazione può progredire con tali idee. Esse sono di intralcio all'azione, quindi onestamente le aboliamo. In futuro ognuno servirà gli interessi dello Stato in assoluta obbedienza e guai a quanti rifiutano di farlo. A tutti gli ebrei e agli altri non ariani verranno tolti i diritti di cittadinanza, si tratta di esseri inferiori e pertanto nemici dello Stato, è dovere di ogni buon ariano odiarli e disprezzarli. Da oggi in poi questa nazione farà parte dell’impero tomanico e il popolo di questa nazione obbedirà alle leggi imposte dal nostro grande condottiero, il dittatore di Tomania,  il conquistatore dell’ Ostria,  il futuro imperatore del mondo.
-        Ora devi parlare
-        Non posso
-        Devi! è la nostra sola speranza
-        Speranza…
-        Mi dispiace ma io non voglio fare l’imperatore,  non è il mio mestiere,  non voglio governare né conquistare nessuno, vorrei aiutare tutti, se possibile, ebrei, ariani, uomini neri e bianchi, tutti noi esseri umani dovremmo aiutarci sempre, dovremo godere soltanto della felicità del prossimo, non odiarci e disprezzarci l'un l'altro. In questo mondo c'è posto per tutti, la natura è ricca, è sufficiente per tutti noi, la vita può essere felice e magnifica, ma noi lo abbiamo dimenticato. L'avidità ha avvelenato i nostri cuori, ha precipitato il mondo nell'odio, ci ha condotti a passo d'oca a fare le cose più abbiette, abbiamo i mezzi per spaziare, ma ci siamo chiusi in noi stessi. La macchina dell'abbondanza ci ha dato povertà, la scienza ci ha trasformato in cimici, l'avidità ci ha resi duri e cattivi, pensiamo troppo e sentiamo poco. Più che macchinari ci serve umanità, più che abilità ci serve bontà e gentilezza, senza queste qualità la vita è violenza e tutto è perduto. L'aviazione e la radio hanno riavvicinato le genti, la natura stessa di queste invenzioni reclama la bontà nell' uomo, reclama la fratellanza universale, l'unione dell'umanità. Perfino ora la mia voce raggiunge milioni di persone nel mondo, milioni di uomini, donne e bambini disperati, vittime di un sistema che impone agli uomini di torturare e imprigionare gente innocente. A coloro che mi odono, io dico, non disperate! L'avidità che ci comanda è solamente un male passeggero, l'amarezza di uomini che temono le vie del progresso umano. L'odio degli uomini scompare insieme ai dittatori e il potere che hanno tolto al popolo ritornerà al popolo e qualsiasi mezzo usino la libertà non può essere soppressa. Soldati! Non cedete a dei bruti, uomini che vi disprezzano e vi sfruttano, che vi dicono come vivere, cosa fare, cosa dire, cosa pensare, che vi irreggimentano, vi condizionano, vi trattano come bestie. Non vi consegnate a questa gente senza un anima,  uomini macchina,  con macchine al posto del cervello e del cuore.
Voi non siete macchine,  voi non siete bestie, siete uomini !  Voi avete l'amore dell'umanità nel cuore, voi non odiate, coloro che odiano sono quelli che non hanno l'amore altrui . Soldati! Non difendete la schiavitù,  ma la libertà! Ricordate nel Vangelo di S. Luca è scritto - 'Il Regno di Dio è nel cuore dell' uomo' - non di un solo uomo o di un gruppo di uomini, ma di tutti gli uomini. Voi, il popolo avete la forza di creare le macchine, la forza di creare la felicità, voi il popolo avete la forza di fare che la vita sia bella e libera, di fare di questa vita una splendida avventura. Quindi in nome della democrazia uniamo questa forza, uniamoci tutti! Combattiamo per un mondo nuovo che sia migliore, che dia a tutti gli uomini lavoro, ai giovani un futuro, ai vecchi la sicurezza. Promettendovi queste cose dei bruti sono andati al potere, mentivano! Non hanno mantenuto quelle promesse e mai lo faranno! I dittatori forse sono liberi? Perché rendono schiavo il popolo. Allora combattiamo per mantenere quelle promesse, combattiamo per liberare il mondo, eliminando confini e barriere, eliminando l'avidità, l'odio e l'intolleranza.  Combattiamo per un mondo ragionevole, un mondo in cui la scienza e il progresso diano a tutti gli uomini il benessere. Soldati, nel nome della democrazia siate tutti uniti!..."




giovedì 12 aprile 2012

Translation of the post of April, 11

Tokens evening ...

Two or three tokens in the evening ...


The first: the reform of the labor market. Nobody knows how it will end the affair on Article 18. Marcegaglia win or the Camusso? Will remain the (bad) formulation as it is today will find the courage or the Parliament to legislate on a matter so important? The path is difficult and presents the outcome is by no means obvious. One thing is clear and is confirmed in recent days by a Swedish multinational "do-it-yourself" moving production from Asia to Italy: is not the actual wording of Article 18 to stop investing in Italy. On why he decided to reform virtually the only Article 18, remains a mystery (or maybe not?).

 
According pensierino: the electoral reimbursements to parties. Why are the scandals in Italy to put his hand in situations that are unsustainable for years? The current management of public reimbursements to political parties for election expenses incurred going on for years. Why is the spur of the Judiciary to urge the parties to make changes to rules that are frankly embarrassing even to think. Because if I spend 100 for my campaign, I must reimburse the State 500?

 

Third little thought: perhaps the saddest. Today's news: the IMF estimates that in 2050 when the average life will be lengthened to three years, costs to support the aging population will increase by 50%. Solution: vision (capitalist) such a beautiful private pension to cover these costs in part by ensuring risks for the state, while ensuring an adequate standard of living for brilliant old men. Hoping that insurance will not be overwhelmed by some international financial crisis or its Manager Compiano some risky investment ... But there could also be someone who offers another solution: (vision Fourth Reich) because they increase the average life of three years if this leads to a decrease in my welfare and my benefits right now? And then, take care of those terminally ill because they cost so much to the Health Service and are destined to certain death (for example, those dying of ALS). And excuse me, why give birth to deformed babies or sick for maybe a few years to live and die? Have extra costs that in times of economic crisis we can no longer afford. Continue?
For a real change of the current situation need to do a side step and put at the center of the discussion the idea of ​​man that we have and so the idea of ​​society we want to build, starting not by economics or finance, but by the ideals in common we want to achieve. Only then will unleash the best forces of each of us comes out and actually also changed the economic and financial.Chesterton wrote in the 'Common Man: << The biggest problem of what calls itself "modern mentality" is a binary, our habit to be satisfied to stay on track because we are told that they are binary of change >>.Let each of us to abandon our track and walk a little way again.